L’autonomia dell’inconscio

Quando San Paolo dice: “Non faccio il bene che voglio, ma faccio il male che non voglio ”, dà espressione alla stessa esperienza, osserva cioè che talvolta si fa viva in noi una volontà che opera il contrario di ciò che noi vogliamo od approviamo. Ciò che è compiuto da quell’altra volontà non è necessariamente il Male; anzi, quella può anche volere il meglio e … Continua a leggere L’autonomia dell’inconscio

Analfabeti e alfabeti

Il censimento del 1861 rivelò all’opinione pubblica che più di tre quarti della popolazione italiana sopra i cinque anni era analfabeta (il 78 per cento); un dato altissimo non molto lontano dai peggiori d’Europa, insieme a Spagna e Portogallo. Nel 1864 gli alunni a delle scuole secondarie risultavano appena 27.000 (il 9 per mille) e gli studenti universitari circa 6.000 (3,3 per mille). Occorreva distinguere, … Continua a leggere Analfabeti e alfabeti

La libertà

La conquista della libertà è la più nobile affermazione umana e costa sangue, sofferenze, sacrificio, anche la vita, tanto la posta è alta, decisiva, sacra. Chi pecca contro la libertà, conculcandola, negandola agli individui e ai popoli, reca grave offesa all’umanità e sconvolge non solo l’ordine civile, ma lo stesso ordine umano. La libertà bisogna meritarla, esserne degni comprenderla fino ad accettarne l’intima disciplina. Essere … Continua a leggere La libertà

Dal Risorgimento alla Resistenza

L’espressione “nuovo” o “secondo” Risorgimento per definire la Resistenza nacque subito dopo la liberazione (già nel primo anniversario del 1946 ebbe luogo una mostra dal titolo emblematico Primo  e Secondo risorgimento). Esprimeva, da parte di chi l’aveva proposta, un motivo ideale, non semplicemente una metafora enfatica, patriottica o un entusiasmo tipicamente retorico: stava a significare che il fascismo non era stato una semplice parentesi nella … Continua a leggere Dal Risorgimento alla Resistenza

Inter-essere

Senza la nuvola, non c’è pioggia; senza pioggia, gli alberi non crescono e senza alberi non si può fare la carta. La nuvola è indispensabile all’esistenza della carta. Se non ci fosse la nuvola non ci sarebbe nemmeno il foglio di carta. Quindi possiamo dire che la nuvola e la carta inter-sono.Il verbo “inter-essere” non è ancora riportato dal dizionario, ma unendo il prefisso “inter” e … Continua a leggere Inter-essere

Termini

C’è un termine nella psicologia buddista che si può tradurre con “formazioni psichiche” “lacci” oppure “nodi”. Quando riceviamo uno stimolo sensoriale, a seconda del nostro modo di riceverlo si può formare un nodo dentro di noi. Quando qualcuno ci si rivolge in maniera sgarbata, se ne capiamo la ragione e non ce la prendiamo a male, non ci sentiamo affatto irritati e non si formerà … Continua a leggere Termini

La rabbia

La rabbia è un sentimento spiacevole. E’ come una vampata che consuma il nostro autocontrollo e ci fa dire e fare cose di cui poi ci pentiamo. Una persona arrabbiata vive l’inferno. Lo si vede chiaramente. L’inferno è fatto di rabbia e di odio. Una mente senza rabbia è fresca, serena ed equilibrata. L’assenza di rabbia è il fondamento della felicità autentica, il fondamento dell’amore … Continua a leggere La rabbia

Cosa c’è che non va?

Spesso ci chiediamo: “Cosa c’è che non va?” Così facendo facciamo venire a galla semi dolorosi di angoscia. Proviamo dolore, rabbia e depressione e produciamo alcuni semi della medesima natura. Saremmo molto più felici se cercassimo di restare in contatto con i semi buoni e gioiosi che sono in noi e attorno a noi. Dovremmo imparare a chiederci: “Cosa c’è che non va bene?” e … Continua a leggere Cosa c’è che non va?